Aiutiamo Giovanna!

Dal sito http://buonacausa.org/cause/per-giovanna-e-il-suo-angelo

Voglio raccontarvi una storia. E’ quello che faccio nella vita, da quando ho imparato a leggere e scrivere, e forse anche da prima. Ho la fortuna di poter fare da adulto ciò che desideravo fare da bambino. Sono un autore di fumetti, e il mio mestiere è raccontare e disegnare storie, nella speranza di far sognare, divertire, commuovere o spaventare chi le legge. E anche quando parlano di paperi miliardari con la tuba, di topi investigatori, di mostri o di galeoni volanti sono storie vede, sincere, perché nascono da una passione autentica, viva.

Eppure chi racconta storie sa bene che la realtà può essere ben più incredibile di ciò che possiamo inventarci. Ogni volta è straniante constatarlo, forse è proprio perché siamo troppo abituati alla finzione narrativa, alla ricerca di battute perfette, ai tempi giusti, al lieto fine. La vita invece è un caos in cui ombre e luci si mescolano costantemente, e dunque non c’è descrizione possibile che possa contenerla.

Parliamo di vita, dunque. Non è disegnata su carta, stavolta, ma nella carne viva e nel cuore di una persona. Ho conosciuto Giovanna da poco, circa un anno fa. Mi ha raccontato la sua storia, così come io adesso la racconto a voi.

Quando l’ho vista per la prima volta aveva 38 anni ed era una ragazza splendida, dai capelli scuri, un bellissimo sorriso, un marito e un figlio di 8 anni che amava, ricambiata. Aveva appena scoperto di avere anche un tumore, di quelli cattivi e molto pericolosi. Cancro alle ovaie con metastasi al peritoneo. Uno di quelli per i quali i dottori scuotono la testa, raccontando di percentuali e basse probabilità. Quelli in cui tu poi stringi la mano al medico che te l’ha detto, esci dal suo studio incrociando gli sguardi dei pazienti che attendono di fuori il loro turno e torni a casa, sedendoti sul divano nell’attesa che faccia notte.

Non sapevo ancora quanta forza possedesse quella ragazza. Il bello è che non lo sapeva nemmeno lei.

Di lì a poco le hanno detto che avrebbe dovuto subire l’asportazione di utero e ovaie, per avere qualche piccola speranza di sopravvivere. Quella speranza che non aveva avuto sua madre, morta dello stesso male quando lei era bambina, e da suo padre, morto di un altro tumore pochi anni dopo. Non avrebbe mai più potuto avere altri figli, ma il suo piccolo era con lei, e questo le ha dato la forza di affrontare l’operazione e di andare avanti.

Non è un colosso, Giovanna. E’ una ragazza minuta ed esile. Che ha continuato a sorridere e ad avere parole d’amore anche dopo quel momento.

Ma la malattia non le ha concesso tregua, e lei ha dovuto combattere ogni giorno una battaglia che le era sempre più difficile sostenere, diventando sempre più minuta ed esile. I suoi splendidi capelli neri se ne sono andati all’arrivo delle prime terapie, ma si è comprata una bella parrucca. Non esistono negozi di sorrisi, che io sappia, ma lei in ogni caso non ne avrebbe avuto bisogno. Le è rimasto il suo, dolce e pieno d’amore per la vita.

Anche quando ha dovuto sospendere le terapie perché era troppo debole per sostenerle, e ha dovuto iniziarne di alternative. Non sapeva ancora che il cancro può essere una malattia che va molto al di là del colpirti nel fisico, e può smantellare tutto quello che c’è, o credi ci sia, dentro e fuori di te.

Suo marito se n’è andato di casa, lasciandola da sola con il loro bambino, senza un lavoro e senza la possibilità fisica di sostenerlo. E un giorno si è vista arrivare a casa la lettera di un avvocato con dentro la richiesta di separazione, senza che lui l’avesse avvisata della cosa.

Giovanna non aveva i soldi per pagarsi un avvocato e ha dovuto chiedere aiuto a quello dei servizi sociali.

E’ arrivato il primo freddo e il suo fisico debilitato non ha retto. Dopo che una febbre molto alta le durava da giorni, ha chiamato un medico a casa che le ha ordinato un ricovero immediato. L’hanno portata in ospedale, la sera, da sola, e le hanno diagnosticato un focolaio di polmonite. Il giorno dopo, tossiva così forte che le si sono spezzate due costole.

L’hanno rimandata a casa dopo qualche giorno, ancora non guarita, con un’altra bendatura sul torace.

Mentre stava pagando la spesa per lei e il figlio in un supermercato, la cassiera le ha detto che il suo bancomat non era abilitato ai pagamenti. Senza capire, ha dovuto subire l’umiliazione di lasciare lì la spesa e andarsene. Si è recata in banca, dove le hanno detto che sul suo conto corrente erano rimasti solo 3 euro. Il marito le aveva sospeso ogni pagamento, inclusi gli alimenti per il bambino e il pagamento dell’affitto. Quella sera Giovanna non aveva nemmeno i soldi per mangiare.

E’ andata alla Caritas, che ora le sta dando una mano.

In quest’anno non le ho mai sentito dire una parola di odio, di disprezzo, di rabbia. Ma solo d’amore e di comprensione, anche quando non sembrava esserci nulla da comprendere e da amare. Non è un colosso, Giovanna, ma questa cosa, da sola, fa di lei un gigante ai miei occhi. Un gigante racchiuso in un guscio di noce.

Chi tenta di costruire e ricostruire, quando tutto intorno crolla e le braccia non ti sostengono più, contribuisce a dare vita a tutto il mondo. Non c’è più distanza né grado di separazione. Chi ora legge e stringe la mano a Giovanna si accorgerà che lui stesso ne viene sorretto di conseguenza. Le sue sono parole di speranza nata dal desiderio che suo figlio possa crescere nel migliore dei modi, senza altro dolore, sapendo quanto lei l’ha amato e quanto ha combattuto e sofferto per lui.

Giovanna rischia di perdere la vita, la casa e il figlio, se non si dimostrerà in grado di mantenerlo.

Non chiede la carità ma desidera potersi mantenere da sola, ricostruendosi un lavoro che possa permettere a lei e al suo bambino di vivere dignitosamente. Ora non può più sostenere la fatica di un lavoro fisicamente impegnativo, ma il suo obiettivo è trovare la sua indipendenza economica, anche minima, lavorando per quanto può fare ora, senza l’incubo di non avere i soldi per pagarsi le medicine.

Per farlo le serve un aiuto.

Un immediato aiuto economico che la sostenga in questi mesi difficili e che la possa aiutare a pagarsi innanzitutto le cure mediche, che non può sostenere da sola.

Ogni piccolo aiuto sarà una mano tesa per lei, che come una bambina sta imparando di nuovo a camminare con le sue gambe. Ogni piccola donazione un passo in più, che la porterà un po’ più lontano dalle sabbie mobili in cui si trova, fino al supporto di una strada di terra battuta, su cui poter finalmente proseguire da sola.

Giovanna ora ha 39 anni ed è ancora una splendida ragazza, un po’ più magra, dai capelli scuri, con lo sguardo pieno d’amore, un bellissimo sorriso e un bambino di 9 anni che ama più della sua vita.

La differenza tra una storia letta e una vissuta è che di quest’ultima possiamo contribuire a modificare la trama: magari non la conclusione, né la durata, ma la direzione percorsa, il senso di quei passi.

Ciò che succederà durante il percorso, e che da quei passi nascerà. Accorgendosi che quella strada non è stata nient’altro che la nostra.

Sempre, sempre e per sempre.

Fabio Celoni

Nota

FACCIAMO UNA AZIONE ETICA, A CHILOMETRO ZERO. BASTA CON LE PAROLE! <br />CHI HA BISOGNO DI AIUTO CONCRETO E’ ANCHE VICINO A NOI

Aiutate Giovanna insieme a noi….

Giovanna vive a Imola, ha bisogno di cure costose, Giovanna è una mamma coraggiosa, lasciata sola dal marito con un figlio, uno sfratto in corso e un bruttissimo male che sta minando la bellezza dei suoi 40 anni.

Giovanna ha bisogno di medicine e noi della farmacia Zolino la aiutiamo con iniziative e raccolte. Vuoi aiutare anche tu Giovanna a prendere qui in farmacia gratuitamente i farmaci che le servono?

Fai la tua buona azione, concreta.
Grazie da parte nostra e da parte di Giovanna

Nota

LA FARMACIA ZOLINO GARANTISCE CHE TUTTE LE DONAZIONI SARANNO UTILIZZATE PER DONARE A GIOVANNA FARMACI E PRODOTTI PER LE SUE CURE ED EVENTUALMENTE PER SUO FIGLIO

Potete donare direttamente in farmacia, ma anche con carta di credito, attraverso il pulsante di donazione sottostante

Per chi volesse effettuare un bonifico:

Farmacia Zolino

IBAN: IT68N0311002400001570010084 causale ‘aiutiamo Giovanna’

Grazie a tutti!

Approfitta del COUPON SCONTO DI AGOSTO: RICEVI UN PRODOTTO IN OMAGGIO!!!

promo agosto

In agosto, solo su Apelle, 1+1 fa TRE! Acquista 2 prodotti sul nostro shop online, inserisci il codice PROMO AGOSTO e potrai scegliere un terzo prodotto in omaggio (di valore inferiore ai due acquistati). Mandaci una mail per dirci quale prodotto vuoi in regalo e il gioco è fatto!!!

Ketoprofene e sole: rischi grosso!!!

Il Ketoprofene per uso topico è fotosensibilizzante: questa indicazione è riportata, tramite un simbolo specifico del sole barrato, in tutti i prodotti (gel, schiume, cerotti e creme) in commercio. Il Comitato per i medicinali per uso Umano (CHMP) e l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha condotto nel 2010 la revisione scientifica dei dati di sicurezza, a seguito delle segnalazioni di fotosensibilizzazione e di co- sensibilizzazione con l’OCTOCRILENE, un FILTRO UV, presente tra l’altro non solo nei prodotti solari ma anche in shampoo, detergenti, creme, trucchi. Viene usato per ritardare la fotodegradazione.

LE REAZIONI DI FOTOSENSIBILIZZAZIONE da ketoprofene possono essere limitate alla sede di applicazione del farmaco ma anche coinvolgere zone che sono state a contatto con il ketoprofene: la reazione può durare da poco tempo addirittura a qualche settimana o di più. Non c’è da scherzare insomma!

Oggi sappiamo che tutti i farmaci contenenti ketoprofene sono soggetti a prescrizione medica ma è importante ricordarvi cosa fare, se proprio non potete fare a meno di questa molecola. (tra l’altro ci sono ottimi prodotti per sostituire il ketoprofene ad uso topico….!)

Non esporsi al sole, anche quando è nuvolo
Non fare lampade uv per almeno 2 settimane dopo aver usato il ketoprofene topico
Proteggere dal sole le parti interessate con indumenti idonei (il jeans vi ricordo è tra i tessuti che fa passare meno raggi solari)
Lavarsi le mani sempre dopo ogni utilizzo

 

Intervista a Filippo Ongaro, medico Anti Aging

Con grandissimo piacere vi parlo oggi di medicina antiaging con l’intervista a Filippo Ongaro, Medico Chirurgo, Direttore Scientifico Istituto di Medicina Rigenerativa e Anti-Aging s.r.l. (Ismerian), Vice-Presidente Associazione Medici Italiani Antiaging (AMIA) e Vice-Presidente Accademia Funzionale del Fitness-Wellness-Antiaging (AFFWA). Grande esperto di nutrizione, il dottor Ongaro ha appena pubblicato il libro ‘Star bene davvero’ , un vero decalogo per il benessere e la salute ottenute attraverso stile di vita e alimentazione sana.

1) Il suo lavoro sull’anti aging è davvero molto interessante. Nel suo ultimo libro ‘Stare bene davvero’ racconta come sia possibile, attraverso una giusta alimentazione e uno stile di vita corretto, mantenere la salute e il benessere. E la pelle ? Anche l’invecchiamento cutaneo si può rallentare attraverso un corretto stile anti aging ?

Certo la pelle è un organo del nostro corpo e come tale risponde alle terapia preventive sia dirette (esterne) che indirette (per esempio per bocca). L’antiaging non va però confuso con la medicina estetica. Nel primo caso l’obiettivo è quello di garantire la massima qualità della vita il più a lungo possibile lavorando su 3 elementi fondamentali: nutrizione, esercizio fisico, riduzione dello stress. Nel secondo caso si agisce esclusivamente sui sintomi esteriori dell’invecchiamento.

2) Secondo lei l’integrazione nutrizionale funzionale alla cosmesi, ovvero la nutricosmesi, può aiutare a mantenere in salute e più giovane la pelle?

Certo ma sempre nel contesto dei 3 pilastri di cui parlavo prima. Usare la nutricosmesi ma continuare a mangiare male, a fumare e ad essere completamente sedentari e stressati non porterà ad alcun risultato apprezzabile.

3) Può dare qualche spunto ai farmacisti che vogliano consigliare una alimentazione corretta e i nutricosmetici alle clienti dei reparti dermocosmetici ? Quali sono le sostanze più attive per una vera azione anti aging a livello di corpo e viso?

Prima di tutto vanno promosse le regole base di un’alimentazione corretta:

1) niente zuccheri e cereali raffinati ma solo cereali integrali

2) si ai grassi monoinsaturi e polinsaturi del pesce azzurro, pochi grassi saturi e zero grassi idrogenati e oli vegetali

3) molta frutta e verdura

4) si alle proteine anche animali ma dando preferenza al pesce azzurro

5) bere molta acqua

poi a questo si possono aggiungere nutrienti come il coenzima q 10, l’acido alfa lipoico, gli omega 3 in capsule particolarmente utili anche per la salute della pelle.